CIRCUITO OFF - L'abbraccio della città a Fotografia Europea 2017


Fotografia Europea 2017


XII EDIZIONE

5 maggio - 9 luglio 2017

MAPPE DEL TEMPO. MEMORIE, ARCHIVI, FUTURO


Circuito Off, un modo per conoscere e vivere la città

Oltre 400 mostre, eventi, incontri



Partecipazione, scoperta, diffusione, orizzontalità, apertura: sono le parole chiave del circuito Off di Fotografia Europea, un appuntamento che ogni anno coinvolge migliaia di visitatori integrandosi in maniera “virtuosa” con il circuito principale.


Partecipazione: sono centinaia i fotografi che espongono. Dai professionisti affermati ai giovani alle prime esperienze, dai nomi internazionali alle grandi istituzioni, dagli appassionati ai membri di associazioni, circoli, gruppi.

Scoperta: un modo unico di vivere e percorrere la città, un'occasione per conoscere artisti e scoprire luoghi e situazioni inedite, ritrovarsi con vecchie conoscenze o incontrare facce nuove, ma anche una possibilità per realtà dinamiche (negozi, ecc.) di proporsi a una nuova clientela.

Diffusione: il circuito anima sedi storiche, istituzionali e professionali, attività commerciali, spazi pubblici e informali.

Orizzontalità: ognuno ha la possibilità di costruirsi la propria mappa, scegliere che percorsi seguire, quali parti della città privilegiare spinto dalla curiosità, da un ricordo, da un'intuizione. Senza gerarchie o imposizioni.

Apertura: un'idea di città votata all'incontro, all'accoglienza, alla condivisione.


Da segnalare nell'edizione 2017:


  • mostre, incontri ed eventi alla Polveriera, nuovo spazio “ri-conquistato” della città;

  • maestri riconosciuti: Alex Webb e Rebecca Norris Webb, Gabriele Basilico, Nobuyoshi Araki;

  • la mostra sull’archivio fotografico delle Farmacie Riunite in piazza Prampolini;

  • i magnifici chiostri della Prefettura con il progetto “L’oggi del domani - Brevi storie del nostro futuro”;

  • il circuito delle librerie;

  • due classici: Atelier Viaduegobbitre e Via Roma;

  • il percorso espositivo di Casina con il rinnovato Castello di Sarzano;

  • portfolio on line: il circuito diventa... mondiale.


POLVERIERA, il cuore della città

Uno dei più importanti interventi di riqualificazione e risocializzazione della città non poteva mancare all'appuntamento con Fotografia Europea. Un incontro che nasce all'insegna dell'universo musicale e della riflessione sulle dinamiche della fotografia contemporanea.

Marcello Donadelli, vincitore del circuito Off 2016 di Fotografia Europea, esplora in “Time capsules” il rapporto tra visivo e acustico, riprende la musica dal vivo, fa compiere allo spettatore un'autentica esperienza sensoriale dotandolo di una guida sonora attraverso un QR Code che associa fotografia e musica. Anche Fabrizio Fontanelli si rivolge al mondo della musica: in “Les sons de la terre” lo spazio familiare del vinile diviene contenitore di immagini e storie.

Il legame con i luoghi della quotidianità urbana è esplorato in “Reggio Emilia e le sue genti”, il reportage di Vincenzo Cirillo e Sandrine Girardot legato al gemellaggio di lunga data con la francese città di Digione. Dopo l'esposizione francese la mostra torna “a casa”.

Con “Il linguaggio della fotografia nel terzo millennio” anche il Circolo degli Artisti, una delle realtà culturali e associative più dinamiche della città, si interroga sulla memoria, sull’importanza e sui cambiamenti di questo importante strumento nell'epoca dell'innovazione digitale. Un'attitudine alla scoperta che si ritrova nelle immagini di “Coinvolti” della Cooperativa L'Ovile e nel racconto al femminile di “Libere Donne”.

Durante Fotografia Europea la Polveriera sarà anche sede di eventi nell'ottica di coesione e inclusione che caratterizzano il luogo: si comincia nelle giornate inaugurali con la musica di Dj TipoFranco e il concerto di P.M.I. - Professional Music Institute (5 mag.) e il live dei Dumbo Gets Mad preceduto da DJ N2B (6 mag.). Domenica 7 spazio al workshop fotografico di Riccardo Varini, al laboratorio di fototerapia di Akos e e il concerto folk di Tobjah, cantante e chitarrista dei C+C=Maxigross.


Gli spazi della creatività

Il concetto di creatività oggi si articola in maniera efficace quando convoca nello stesso luogo, fisico e mentale, esperienze diverse in grado di comunicare, confrontarsi e aprirsi a sperimentazioni molteplici. È la caratteristica di luoghi come Almanacco, Vicolo Folletto Art Factories e Spazio Fotografia San Zenone.

Almanacco è l'atelier creato dall'illustratrice e grafica Anna Baldi. Nel suo spazio espositivo, la Serra, Alessandro Bartoli, uno dei più noti fotografi reggiani, presenta “Collezione di spiagge – Terzo movimento”, nuovo capitolo di un progetto in pieno sviluppo su tematiche come tempo, corpi, età di passaggio.

I fotografi statunitensi Alex Webb e Rebecca Norris Webb sono i protagonisti allo Spazio Fotografia San Zenone (in collaborazione con Contrasto Galleria di Milano), crocevia di formazione e produzione che propone un’idea di ricerca viva e in movimento. “Violet Isle” è un viaggio intenso nel cuore di Cuba realizzato da due maestri del reportage contemporaneo che fanno coppia anche nella vita. Tra scorci urbani, gente comune e scoperte naturalistiche, l'isola caraibica emerge con la sua forza, la sua vitalità, i suoi umori contrastanti.