Musica - Sine Frontera


Tutto ciò che c'è da sapere sui SINE FRONTERA ...

Tutto ciò che c’è da sapere sul nome SINE FRONTERA …

Quando, nel lontano 2001, iniziammo a cercare un nome per la band, passammo in rassegna molteplici possibilità. Quello che cercavamo era un nome che ci identificasse nella musica e nei messaggi che volevamo dare.

Piano piano, ci accorgemmo che la nostra musica non aveva una connotazione specifica, ma attingeva a molti generi musicali di cui eravamo innamorati. Cominciammo così a scremare i molti nomi candidati a rappresentare il progetto.

"Libertà" era una parola che ricorreva frequentemente nei testi e negli slogan, partimmo da lì. La libertà come la musica non ha confini, non ha barriere, non ha muri e frontiere. << Bella questa…musica senza frontiere, si ma fa troppo "medici senza frontiere" "giochi senza frontiere" … no ci vuole qualcosa di più incisivo. Perché non attingiamo al latino, visto che siamo di Mantova, (patria di Virgilio) … come si dice "senza" in latino? …"sine">>.

Da qui in poi, il passo fu breve, c'era tutto "Sine Frontera". Suonava bene, non era immediato, ma alla terza volta che lo pronunciavi, non lo scordavi più.


Tutto ciò che c’è da sapere sul vostro sound e sui testi …

<< Con una valigia traboccante di canzoni, sogni e strumenti, ci siamo messi in marcia, il resto è venuto da se. Abbiamo messo in musica storie raccolte qua e là tra la gente, altre le abbiamo fatte uscire dal cuore, altre ancora ce le siamo ritrovate in tasca al ritorno da qualche viaggio >>

La band nacque nel 2001, dalle ceneri di altri progetti ed esperienze musicali precedenti. L'ingresso di nuovi membri nel gruppo con strumenti come violino e fisarmonica, spostarono ulteriormente il baricentro verso la musica Folk. Contaminare il Rock, il Reggae, lo Ska e la Musica balcanica, con tracce di "folk nostrano" era diventato davvero divertente, sporcare i testi in italiano con espressioni dialettali, da osteria, ci rendeva un gruppo con una forte connotazione territoriale. La cosa sorprendente fu che cominciammo ad essere chiamati anche al di là dei nostri confini regionali, persino all'estero, la gente ballava e sembrava capire ogni parola …era la musica, la nostra musica, che oltrepassava i confini della mente e del corpo e puntava dritta al cuore. Capimmo che l'importante era l'energia che scaturiva dai nostri ritmi, dalla passione che mettevamo nell'interpretare una canzone, non c'era bisogno di tante parole, il messaggio arrivava forte e chiaro.

Questo è ancora oggi l'ingrediente principale della nostra musica, del nostro modo di porci artisticamente davanti ad un pubblico. Ancora oggi ci stupiamo del potere che ha, questo linguaggio universale chiamato musica.


Tutto ciò che c’è da sapere sulla band …

Dagli albori, molte cose sono cambiate, sia dal punto di vista tecnico che personale, molti di quelli che inizialmente hanno gravitato attorno al progetto, siano essi stati membri effettivi del gruppo, ispiratori o semplici compagni di viaggio,

oggi si occupano d'altro. La band al suo interno, ha annotato diversi cambiamenti, sia dal punto di vista musicale, sia dal punto di vista strutturale, maturando nella professionalità e nell'organizzazione del gruppo.

Abbiamo imparato a gestire totalmente, una produzione indipendente e auto-finanziata, ci siamo dati ruoli e regole, abbiamo stretto collaborazioni importanti, con professionisti del settore e oggi, dopo parecchi anni, siamo orgogliosi delle scelte fatte in passato. Ogni volta che siamo incappati in un problema apparentemente insormontabile, ci siamo sempre rialzati più forti di prima, ogni volta che un capitolo si chiudeva, ne aprivamo subito un altro.

Quello che era un sogno oggi è realtà, certo la strada è quasi sempre in salita e ma anche questo fa parte del gioco e implica passione ed impegno costante, con l'obiettivo di divertire, divertendoci e di crescere sempre di più, professionalmente e artisticamente.


Tutto ciò che c’è da sapere sul presente e sul futuro della band …

Siamo da poco usciti con il nostro nuovo videoclip "Picchi in testa", secondo singolo estratto dall'album "Restiamo Umani" e il tour estivo è andato molto bene, speriamo di continuare anche nei prossimi mesi.

Stiamo pensando anche ad un tour invernale nei teatri in una veste unplugged con canzoni che non facciamo da tempo.

Al futuro ci pensiamo, ma non troppo, l'importante è il presente e quello che ci auguriamo è di poter continuare questa avventura il più a lungo possibile.


I Sine Frontera sono:

Antonio Resta voce - Fabio Ferrari basso - Federico Ferrari chitarra - Simone Angiuli violino - Marco Ferrari fisarmonica - Simone Dalmaschio percussioni - Matteo Del Miglio trombone - Enrico Truzzi batteria - Angelo Breviglieri fonico.


di Salvatore Cammilleri



Tag:

Percorsi
Archivio