Musica - Monsieur Blumenberg



Perché la musica è …

sono nato in mezzo alla musica, mio padre era musicista di night club, poi passato alle balere, con mia madre e mio fratello l’abbiamo sempre seguito. Poi ho iniziato a suonare con la sua orchestra per provare l’emozione del palco e mi ci sono trovato bene.


Da cosa trae ispirazione il tuo sound?

Lo definisco una sorta di WUNDERKAMMER MUSIC…un eclettico accostamento di stili musicali con caratteristiche intrinseche ed estrinseche che dovrebbero suscitare curiosità e meraviglia:

(dal punk rock al latin soul, boogaloo, cha cha cha, surf, tango, exotica, groovy, classica, jazz etc….praticamente tutto il mio background musicale, però condito in chiave ironica e dadaista.


Parlaci del nesso concettuale che esiste tra i tuoi testi e la tua musica …

In realtà do più importanza alla musica, i miei testi sono più che altro un’ulteriore decorazione ironica che amplifica il Divertissement.


Raccontaci di questa tua ultima “fatica” discografica, "Divertissement Avec Du Punk Rock"…

In realtà avevo già elaborato qualche brano anni fa, poi quando lo scorso inverno ho scoperto che quest’anno sarebbe stato il 40ennale del punk, mi ci sono dedicato totalmente.

CALIFORNIA UBER ALLES è stato il primo brano affrontato che generò poi l’idea “DIVERTISSEMENT” dell’album…ANARCHY IN THE UK in versione psyco-chacha-latin-soul è quello più spontaneo, ma quelli che mi hanno sorpreso di più sono LONDON CALLING e DANCING WITH MY SELF. Un aneddoto? l’idea della versione di SHOULD I STAY… mi venne mentre ascoltavo “CHA CHA CHA D’AMOUR” di DEAN MARTIN…gli cantai sopra i CLASH e mi accorsi che ci stavano perfettamente!!!

Lo Staff di ignorarte

Percorsi
Archivio
  • White Facebook Icon
  • White LinkedIn Icon
  • White Instagram Icon
  • White Google+ Icon