Poesia - Valerio Carbone


"Ordalia" di Valerio Carbone raccoglie trentatré liriche di rinascita, racconta la fine di un amore. Il nome rievoca una metafora di cambiamento e di accettazione elaborata di un nuovo stato di cose. Il senso e il valore della metafora risente di un doppio rovesciamento di segno e di significato: l "ordalia non è soltanto il diritto degli uomini che lascia il passo al diritto di Dio, ma anche l'accettazione giusta della fine inevitabile, senza nessuna pretesa di determinare il torto e la ragione tra le parti. Ordalia quindi come opportunità, una epochè fra ciò che si è e ciò che si è sperato. Un non definirsi toccando la realtà, sospendendosi in essa senza domande fatali.

Un sogno con i piedi

sporchi

di terra.

Uno squarcio aperto sulla realtà, realizzandosi "nell'altro da sé".


Ascolto il mondo da una ferita aperta

lo faccio entrare

capisco le meraviglie

e un tempo perduto.


Una ricerca temeraria, infinita che le meraviglie conserva ed estetizza, sancendole nella pluralità del suo linguaggio.


di Anna Palasciano


Percorsi